I 5 METODI DI COLTIVAZIONE BIO A CONFRONTO COL NOSTRO METODO

Qual é per noi il miglior metodo biologico di coltivazione e quale abbiamo scelto di usare nel nostro orto?
Noi siamo maestri certificati in un metodo chiamato Biointensivo di origine californiana.
Ma proprio perché di origini americane, questo metodo deve esser adattato al particolare clima in cui viviamo, mediterraneo, unico al mondo.
Consideriamo questo metodo biologico molto EFFICACE e rispettoso del suolo, delle piante e della povera schiena di chi coltiva.
Però, non troviamo tutte le risposte nelle tecniche imparate, allora continuiamo giorno dopo giorno a studiare e sperimentare nuovi metodi biologici che possono completare dove manca il metodo biointensivo californiano.
Ecco qui una classifica di pro e contro dei migliori metodi biologici studiati ed applicati da noi.

Il nostro metodo biologico: quale tecnica ci ispira

Il nostro metodo biologico, come detto, si ispira al Metodo Biointensivo Californiano, di cui siamo Maestri Certificati. Naturalmente utilizziamo anche altre tecniche di coltivazione biologica classiche: pacciamatura, lotta integrata, semina vicina ecc…
Quando lo abbiamo studiato, i nostri maestri ci dissero di cercare le risposte ai problemi che avremmo dovuto affrontare anche studiano altri metodi.
Il Metodo Biointensivo Californiano é per noi fondamentale, ma non ha tutte le soluzioni per le criticità che ogni giorno dobbiamo fronteggiare. Quindi il Metodo Biodinamico, Biosinergico, ed altri metodi di coltivazione biologica ci ispirano altre risposte ai nostri quesiti. L’osservazione, la sperimentazione e la pazienza fanno il resto.
Stiamo coltivando un solo lotto con il metodo biologico Biosinergico, che ci aiuta a confrontare con il resto dei letti coltivati per lo più a metodo Biointensivo Californiano.

compost a pila con il metodo biologico biointensivo

IL NOSTRO METODO BIOLOGICO: pro e contro

PRO
RISPARMIO DI TEMPO, DENARO, ACQUA (fino all’80% dei metodi tradizionali)
-MAGGIORI RESE RISPETTO AD ALTRI METODI BIO, CRESCENTI NEL TEMPO
CONCIME CREATO AD HOC per il suolo ed il clima dove si coltiva CHE DÀ GROSSE RESE
-SI TRASFORMA QUALSIASI SUOLO IN UN SUOLO NATURALE, VIVO, SPUGNA, MOLTO PRODUTTIVO IN POCHI ANNI
METODO BIOLOGICO SEMPLICE, CHE USA STRUMENTI SEMPLICI, POCO COSTOSI E FACILMENTE REPERIBILI
-USA UN TIPO DI SEMINA VICINA CHE DÀ IL 10% DI RESA IN PIÚ
METODO MOLTO UTILE ANCHE PER GIARDINI, COLTURE IN BALCONE
-USO DI METODO CHE RIPRODUCE LE PERCENTUALI DI TIPI DI PIANTE CHE CI SONO IN NATURA PER APPORTARE TUTTI I NUTRIENTI AL SUOLO e quindi alle piante coltivate che saranno più equilibrate e forti
LAVORAZIONE DELLA TERRA CON STRUMENTI SEMPLICI, ECONOMICI, FACILMENTE REPERIBILI
-QUESTO METODO DÀ RESE ANCHE NELLE CASSETTE DI BALCONI E TERRAZZI!
CONTRO
-É un metodo biologico creato in California. Si devono usare alcuni accorgimenti per adattarlo al nostro clima mediterraneo, più mite ed umido di quello californiano
-Ogni metodo va adattato al tipo di suolo che si ha a disposizione. Si devono usare alcuni accorgimenti soprattutto per i suoli argillosi pesanti, diversi dai suoli secchi sabbiosi più tipici della California

I 5 METODI BIOLOGICI PIÛ DIFFUSI: pro e contro

Qui di seguito descriviamo i 5 metodi di coltivazione bio più diffusi con i loro vantaggi ed i loro svantaggi, a nostro avviso ed esperienza.

PRO
-nessun prodotto chimico
-nessuna lavorazione della terra
-nessuna aratura o zappettatura

USO DI TECNICHE BIO
ricette per fitofarmaci naturali
compostaggio di superficie
pacciamatura
consociazione
successioni (un tipo di rotazione)
letti rialzati
uso di archetti sopra i letti
semina vicina
semenzai
sovescio

CONTRO
-trasforma in 10 anni qualsiasi suolo in suolo naturale vivo (il doppio del metodo biointensivo)
-alcuna lavorazione della terra (questo duplica il tempo di trasformazione del suolo)
-usa il compostaggio di superficie (non usa la pila di compost, non é un compost studiato ad hoc, ma dipende da ciò che si é coltivato precedentemente)
-non ha un metodo preciso di trapianto e semina delle piante (come invece nel metodo biointensivo)

COSA USIAMO DI QUESTO METODO
-sovesci
-pacciamatura
-fitofarmaci naturali

PRO
-non lavorazione della terra
-non uso di prodotti chimici
-nessuna potatura degli alberi da frutto
-alcun metodo preciso di semina o di raccolta dei frutti

USO DI TECNICHE BIO
-semina a spaglio fra colture coltivate
-palline di argilla per luoghi particolarmente aridi
-semi misti di Graminacee e Leguminose quando si semina

CONTRO
-ha bisogno di molti mq per avere rese (il metodo biointensivo lavora a letti di 10mq, coltivati bio intensivamente)
-ha bisogno di molto tempo per cambiare i primi cm di suolo in suolo naturale, anche decenni (il metodo biointensivo impiega intorno ai 5 anni)

COSA USIAMO DI QUESTO METODO
-uso di semina con semi misti di Leguminose (come base) e Graminacee per evitare il proliferarsi di erbe spontanee
-filosofia del non fare, cioé una tipo di agricoltura collaborativa e non sostitutiva dei processi naturali

PRO
-visione ampia: l’orto é inserito nelle dinamiche del Cosmo
-uso di preparati naturali (Corno Letame ecc…) che sollecitano i processi naturali
-nessun uso di prodotti chimici

CONTRO
-metodo complicato, anche i più esperti sono in continua evoluzione
-utilizzo di materiali non facilmente reperibili e costosi (p.e. Silice in grosse quantità, attrezzi e macchine particolari)
-uso di macchinari che compattano la terra
-uso di sostanze a base di metalli pesanti (p.e.Rame) autorizzati dai Regolamenti UE, ma difficili da usare e dosare in modo appropriato
-lavorazione della terra con arature, zappature, ecc…

COSA USIAMO DI QUESTO METODO
-macerati/infusi da inserire nel compost per rendere più assimilabili alcuni nutrienti
-azioni mirate al contenimento di Limacce, Topi ed insetti vari
-una visione più ampia del nostro piccolo orto, inserito nel tutto della Natura

PRO
-coltivazione in letti rialzati con cassoni di materiale naturale
-uso massiccio di compost e sabbie vulcaniche molto fertili
-molto produttivo
-nessun uso di prodotto chimico
-nessuna lavorazione della terra
-uso di consociazione fra piante
-uso cospicuo di pacciamatura con cippato
-ottimo metodo per poter coltivare in luoghi pavimentati o dove il suolo é troppo tossico o deterputo

CONTRO
-richiede impegno per la ricerca dei materiali, tempo e denaro iniziale per creare i cassoni
-materiali non facilmente reperibili in tutte le zone di Italia (materiale vulcanico, polvere di roccia addizionata EM ecc…)
-dopo 10 si deve rinnovare la terra nei cassoni poiché i nutrienti tendono ad esaurirsi
-l’uso di cassoni non permette il totale sviluppo radicale sul suolo e lo scambio di sostanze nutritive importanti del sottosuolo

PRO
-uso di compost e concimi animali
-nessun prodotto chimico eccetto sostanze autorizzate da Regola,enti UE

CONTRO
-uso di compost non studiato adatto a clima e suolo
-consuetudine di bruciare i residui delle colture e spargere la cenere
-uso di arature, zappettature, mezzi meccanici pesanti sul suolo che lo degradano
-semina NON vicina, ma a filari
-suolo lasciato spesso nudo, senza pacciamatura
-eccessivo utilizzo di letame bovino
-raro uso di consociazioni, lotta integrata
-utilizzo di semina/trapianto a filari con resa minore sia in termini di qualità che quantità (ci sono meno piante a terra rispetto al Biointensivo e sono meno protette da parassiti e agenti atmosferici)
-uso di estese monocolture (non naturali)

metodo biologico di coltivazione

Confronto fra il metodo Biointensivo californiano e altri metodi di coltivazione biologica.

NOSTRO METODO BIOLOGICOALTRI METODI BIOLOGICI
RESE MAGGIORI
IN POCO SPAZIO (SIA IN QUANTITA’ CHE GROSSEZZA DEI FRUTTI) ED IN POCO TEMPO.
IN UN PAIO DI ANNI GIA’ SONO VISIBILI I RISULTATI, LE RESE SI DUPLICANO E NEL TEMPO CONTINUANO A MIGLIORARE, SENZA SFRUTTARE IL SUOLO PERCHE’ ARRICCHITO DA COMPOST E NUTRIENTI E FAUNA ATTIRATA DALLE RADICI DELLE PIANTE, BEN SVILUPPATE
RESE MINORI
SEBBENE MAGGIORI DELL’AGRICOLTURA INDUSTRIALE, SONO MINORI RISPETTO AL NOSTRO METODO BIOINTENSIVO.
USO DI COMPOST NON ADATTO AL TERRENO IMPLICA MAGGIOR TEMPO PER OTTENERE GROSSI E TANTI FRUTTI. USO DEL COMPOSTAGGIO DI SUPERFICIE CAMBIA MOLTO PIU’ LENTAMENTE IL SUOLO E QUINDI LE RESE AUMENTANO IN MAGGIOR TEMPO, RISPETTO AL NOSTRO METODO
USO MINORE D’ACQUA
CON USO DELLA PACCIAMATURA, DELLA SEMINA VICINA, DELLA CONSOCIAZIONE, DEI SEMENZAI, DEL COMPOST.
USO MAGGIORE D’ACQUA
SEBBENE MINORE DI QUELLO DELL’AGRICOLTURA INDUSTRIALE, I NORMALI METODI BIO USANO LA SEMINA A FILIERA E POCO USO DI SEMENZAI, USO DI CENERE PIUTTOSTO CHE COMPOST, MONOCOLTURE, POCO USO DI PACCIAMATURA
COMPOST CREATO AD HOC RISPETTO A SUOLO E CLIMA
SE IL SUOLO É ACIDO O ALCALINO, FREDDO O SABBIOSO O ARGILLOSO ECC…VARIERÀ IL TIPO DI COSTRUZIONE DEL COMPOST.
NOI ARRICCHIAMO IL COMPOST ANCHE DI TERRA (CHE APPORTA MINERALI E MICRORGANISMI) E DI INFUSI O MACERATI DI ISPIRAZIONE BIODINAMICO CHE AIUTANO NELL’ASSIMILAZIONE E MANTENIMENTO DELLE SOSTANZE INSERITE NELLA PILA O NELLA COMPOSTIERA DI CASA.
QUESTO TIPO DI COMPOST TRASFORMA I PRIMI CM DI SUOLO GIA’ DOPO SOLI 5 ANNI . QUESTO TIPO DI COMPOST DÀ TUTTI I NUTRIENTI PERCHE’ COMPOSTO ALMENO DA 5 PIANTE DIVERSE. PIÛ É BIODIVERSO, PIÛ ARRICCHIRA’ LA TERRA.
COMPOST NON CREATO AD HOC- COMPOST NON A PILA- COMPOSTAGGIO DI SUPERFICIE
SPESSO NEI DIVERSI METODI BIO IL COMPOST É COSTRUITO CON I RESIDUI SECCHI E VERDI, POSTI IN UNA COMPOSTIERA NATURALE O MENO.
GLI STRATI VENGONO POSTI NON IN QUALITÀ E QUANTITÀ PROGRAMMATI.
SE IL SUOLO E’ ACIDO O ALCALINO, IN UN LUOGO FREDDO O CALDO, NON IMPORTA, LA SUA STRUTTURA SARÀ SEMPRE LA STESSA.
NEL CASO SI USI COMPOSTAGGIO DI SUPERFICIE: I NUTRIMENTI CHE SI RIDANNO AL SUOLO, DIPENDONO MOLTO DALLE PIANTE CHE VI SONO STATE COLTIVATE PRIMA E LA TRASFORMAZIONE DEI PRIMI CM DI SUOLO AVVIENE IN DECINE DI ANNI.
MAGGIOR SVILUPPO RADICALE E MAGGIOR SVILUPPO FOGLIARE.
LE RADICI SI POSSONO ALLUNGARE BENE IN UN SUOLO SPUGNA, RICCO DI NUTRIMENTI, ARIA ED ACQUA
LE PIANTE SONO MENO SVILUPPATE A LIVELLO RADICALE E FOGLIARE
LA TERRA, NON ESSENDO STATA SCAVATA FINO A 60cm, RIMANE PER I PRIMI 30cm MORBIDA, MA NEL SOTTOSUOLO SARÀ COMPATTA.
LO SVILUPPO RADICALE SARÀ COMPROMESSO.
POTENZIAMENTO DELL’ EFFETTO TAMPONE PER CALDO TORRIDO E PIOGGE TORRENZIALI
TERRA LAVORATA FINO A 60cm, INSIEME ALLA PACCIAMATURA ED USO DEL COMPOST, HANNO UN OTTIMO EFFETTO TAMPONE SIA PER IL CALDO TORRIDO CHE PER PIOGGE TORRENZIALI
EFFETTO TAMPONE MINORE PER CALDO TORRIDO E PIOGGE TORRENZIALI
TERRA LAVORATA SOLO PER I PRIMI CM. L’ACQUA SI FERMA SOTTO IL LIVELLO RADICALE, DOVE LA TERRA DIVENTA DI NUOVO COMPATTA.
I NUTRIMENTI, A LIVELLO RADICALE, SARANNO COSì POCHI.

Seguite il nostro sito: https://terranticavitanova.it/
dove spieghiamo la nostra storia e
potete trovare la pagina dei Corsi ed il loro programmi, la Galleria delle Foto ed i nostri contatti,
o la nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/terranticavitanova.it
e date un’occhiata al nostro video su Youtube: Corso Orto Bio Economico, Veloce, Facile e Valido: https://www.youtube.com/watch?v=PFil6lKjsoc